Tendenze e novità, analisi del settore distillati dopo IWSC l’International Wine & Spirit Competition di Londra.

Secondo uno scrittore e scopritore di distillati rari, Neil Ridley, l’industria delle bevande alcoliche sta crescendo a livello internazionale e la nostra comprensione di ciò che si sta bevendo è in costante miglioramento.

Da una analisi del mercato dei distillati e liquori presenti all’International Wine & Spirit Competition di Londra si possono scoprire le tendenze del mercato…. Dall’avanzare del liquore baiju cinese alla inarrestabile bolla gin extra premium.

Queste sono le grandi tendenze da tenere d’occhio:

L’aumento del whisky no-age

PORT ASKAIG ISLAY 100 PROOF
PORT ASKAIG ISLAY 100 PROOF

Il mondo del whisky ha diversificato ben oltre il tradizionale Scotch. I risultati IWSC di quest’anno hanno messo a repentaglio il mito di “più vecchi e migliori”, con una serie di eccezionali whisky di non-età che creano tempesta nel settore.

Concentrandosi sull’arte della miscela, piuttosto che sul prestigio dell’età, il trofeo quest’anno è stato assegnato al The Dalmore Valor Single Highland Malt di Richard Paterson, un elisir ricco dei sapori del cioccolato con aromi caldi e cannella.

“Le dichiarazioni d’età sono state per lungo tempo l’avanguardia di come giudicare un buon whisky, ma oggi forse penso meno all’età e al sapore, alla personalità e al DNA”, commenta Ridley.

 

 

i distillati asiatici esplodono sul palcoscenico mondiale

Dal ‘feni’ dell’India, alla “baiju” della Cina (pronunciata bye-joe), il mercato degli alimenti asiatici è fiorente come mai prima.

Il continente ha molto da offrire ai palati occidentali. Gli ultimi anni hanno visto arrivare in Europa baiju, fatta dal sorgo di grano fermentato.

Questa tendenza mostra che la gente sta viaggiando di più e cerca cose da degustare, assagiare per la prima volta.

Con un numero crescente di baijus proposti ogni anno, i funzionari di IWSC hanno anche introdotto il baiju trophy, vinto quest’anno dal Yushan Taiwan Kaoliang Liquor.

Il distillato asiatico è stato giudicato dai giudici per avere morbidi sentori di lavanda e aghi di pino, seguito da un palato delicato che ha un tocco di bambù al forno e sottaceto cinese.

Questi sono spiriti molto unici nel loro profilo di sapore. Baiju ha sapore come nient’altro sulla terra, avverte Ridley.

“Baiju non è per il debole e ha un sapore sapido per coloro che hanno uno stile più spirituale”.

Mezcal prende il suo giusto posto accanto alla tequila

Forse la più grande storia di successo che è uscita dai premi di quest’anno è l’aumento del partner-in-crime della tequila, il potente mezcal.

Alcuni produttori di mezcal artigianali che utilizzano piante agave maturate fino a 35 anni, sono pronti a competere con i migliori tequilas. “Mezcal è molto distinto nel sapore”, spiega Ridley.

Quello che la gente sta cercando ora è l’autenticità, la provenienza e la narrazione nel loro spirito, e mezcal è veramente rustico.

Se si considera tequila il distillato più conosciuto, mezcal è più organico per confronto, e ha una maggiore varietà.

Il primo premio è stato assegnato alla Corte Vetusto Mezcal Espadin, artigianale del quarto maestro mezcalero Juan Carlos Gonzalez Diaz.

David Shepherd, co-fondatore e regista di Black Sheep Spirits, dice: “Mezcal è una nicchia. È circa il 2% delle vendite di tequila, ma sta uscendo dall’oscurità. È passato dal segreto del barista per essere richiesto dai consumatori “.

La pazzia dei gin continua a stupire per novità

PANAREA ISLAND GIN
PANAREA ISLAND GIN

Quest’anno, l’IWSC ha ricevuto quasi 400 gin di 35 paesi diversi, con un enorme aumento del 571% dal 2013.

Con la fiducia dei consumatori il gin ha continuato a dominare la scena degli aperitivi delle degustazioni.

I produttori sperimentano nuove creazioni artigianali e sempre più oscuri intrugli di botanica .

Il gin del Navy Strength Gin (vincitore del Trofeo Gin Contemporaneo, 2017), professore Ampleforth, confeziona un punzone botanico grazie al “bashing up” degli ingredienti, tra cui la buccia d’arancia e la cannella, per rilasciare ancora più sapore.

“Gin è probabilmente troppo grande e bevuto per scomparire. La strada del gin non è finita vedremo altre novità, ma al momento è molto in salita. E’ difficile proporre gin nuovi e originali”, commenta Ridley.

“Puoi fare gin molto più rapidamente del whisky, e questo è uno dei motivi per cui vediamo più distillerie artigianali di gin.

Non credo che in Gran Bretagna ci sia una grande città che non abbia il proprio gin adesso, il che è grande.”

Armagnac: un tesoro dimenticato?

Bottiglia di bas Armagnac Darroze 1961
Bottiglia di bas Armagnac Darroze 1961

Un’altra tendenza emergente che Ridley sottolinea è un aumento lento ma sicuro della popolarità dei distillati rari francesi.

“Non hanno ancora colpito, ma per me c’è un rinnovato apprezzamento per i distillati francesi, e soprattutto per l’armagnac”, dice.

“È un brandy francese frainteso, con enormi quantità di cultura e storia. L’armagnac, nel mercato, si trova da qualche parte tra il whisky e il cognac, e ha sempre molto da offrire a un conoscitore o a un novizio che si avvicina a questo nobile distillato.

È possibile trovare armagnacs invecchiati incredibili ad una frazione del prezzo di un whisky invecchiato o di un rum raro “.